Kendra Sunderland, da webcamgirl nella biblioteca dell’Università al Boobalicious Babe of The Year

Ce l’avevamo appuntata da tempo, poi per caso ci è comparsa su un canale Telegram (a proposito… vi siete iscritti al nostro canale?). Non potevamo non scriverne, quindi.

Clicca qui per entrare nel gruppo Telegram di TTTT: tutti gli aggiornamenti e contenuti esclusivi per voi!

Lei è Kendra Sunderland, attrice hard statutinitense classe ’95

Boobalicious Babe of the Year nel 2018 (agli Spank Bank Awards – mi sa che attingeremo a piene mani da questo premio), non possiamo non dedicarle un post.

E di seguito partiamo con una foto in cui è possibile notare i piercing al posto giusto (notevole come posti foto con i capezzoli in bela vista. Eravamo convinti che le policies di Instagram lo impedissero) e la mascherina che in questi tempi di coronavirus è d’uopo.

Visualizza questo post su Instagram

When he’s got the Corona but u want the D 😈💦

Un post condiviso da Kendra Sunderland (@therealkendrasunderland) in data:

Con oltre un milion e ottocentomila follower, può essere considerata a tutti gli effetti anche una influencer.

Una influencer che ha deciso per il 2020 di proporre un calendario ai propri fan (acquistabile da un apposito sito).

Una scelta che fa molto anni ’90 ma che pare abbia rappresentato un trend per molto influencer (si pensi a Taylor Mega).

Ma torniamo alla bella Kendra.

Ha guadagnato la ribalta nel gennaio del 2015 quando – appena 19enne – la Sunderland è diventata la camgirl più famosa degli States per un video in cui è possibile vedere (è facile reperirlo online – magari un giorno vi proporremo anche il link se ci daremo al porno esplicito) la ragazza spogliarsi e masturbarsi presso la libreria della Oregon State University.

Da quel momento è stata ribattezzata “Oregon State Library Girl,” o ancora “Library Girl”.

Quanta strada ha fatto da allora la Kendra!

42 film hard e due AVN awards, oltre al succitato premio nell’ambito degli Spank Bank Awards .

E – da ricordare – anche un’intervista concessa ad Andrea Diprè (quando ancora Andrea Diprè manteneva degli standard accettabili) in cui Kendra dà lezioni di “blowjobs” (if you know what we mean).